NEWS

Quella volta che Martin Scorsese...

Francesco Curello - 07-02-2017 - Letture: 308

Quella volta che Martin Scorsese...

Era l'estate del 1979 quando Martin Scorsese si recò a Polizzi Generosa, un piccolo centro delle Madonie in provincia di Palermo. Martin era alla ricerca le sue radici siciliane e i nonni e i genitori gli avevano sempre parlato di questo paese circondato dai noccioleti dal quale erano partiti negli anni '20 per cercare fortuna in America; lui nella little Italy di New York fantasticava e sognava; le case di pietra, i dedali di viuzze, le chiese antiche, la nebbia che quando cala ammanta ogni cosa dando la sensazione di essere sospesi in aria, la festa di San Gandolfo... Un mito alimentato dal cinema degli anni Quaranta e Cinquanta, quando in America venivano proiettati i film del neorealismo italiano, "Sciuscià", "Paisà", "Ladri di biciclette", storie italiane che raccontavano i drammi umani e sociali di un Paese ancora molto povero. «La musicalità del dialetto, napoletano o romano, che sentivo nei film - afferma Scorsese nella sua biografia - mi era familiare: somigliava tanto a quella dei nonni siciliani. In quella gente trovavo un' umanità che mi commuoveva e mi appassionava tanto». Era ancora un bambino Martin, ma fu allora che dentro di sé scattò qualcosa, un amore profondo per la sua terra d' origine e una passione fortissima per il cinema neorealista. A Polizzi Generosa, in quell' estate del '79, il grande regista si recò in compagnia di una giovane e affascinante Isabella Rossellini, innamorata dell' uomo che aveva sposato da poco. Arrivati in Sicilia, Scorsese e Isabella presero un Taxi che li portò nel municipio del paese. Arrivati a destinazione, Martin scese dall' auto e si avviò verso il municipio, mentre Isabella rimase in macchina. Il regista di "New York New York" era venuto in Sicilia con la ferma intenzione di scoprire chi era e da dove proveniva, di ricostruire un albero genealogico del quale conosceva solo i rami americani. Al dipendente comunale fornì le sue generalità, assieme a quelle del padre e dei nonni, sicuro che, partendo da loro, avrebbe scoperto gli antenati più lontani. L' impiegato scartabellò negli scaffali dello stato civile e tornò dopo alcuni minuti: «Spiacente, a Polizzi non è mai esistito nessuno con questo cognome». Martin tornò in macchina deluso, si coprì il volto con le mani e scoppiò in un pianto che nemmeno le parole della dolce Isabella riuscirono a placare. Il sogno di scoprire se stesso, di conoscere la sua gente, di vedere i luoghi delle sue favole, si era infranto in un anonimo ufficio di un municipio siciliano, dove quel cognome, Scorsese, non era mai stato registrato. «Si trattava di un banale errore anagrafico», spiega il sindaco di Polizzi Generosa, Giuseppe Lo Verde, cugino di secondo grado del grande regista. «Il cognome originario della famiglia era Scozzese: negli anni Venti, quando i nonni e il padre di Martin emigrarono in America, la doppia zeta fu sostituita erroneamente con la erre e la esse. Martin ovviamente era all' oscuro di tutto. Fortunatamente scoprimmo l' equivoco e lui potette tornare felice negli Stati Uniti». Trascorsero undici anni. Nel '90 il regista di "Taxi driver" e di "Toro scatenato" tornò in Sicilia. Non più con la figlia di Ingrid Bergman e di Roberto Rossellini - dalla quale nel frattempo si era separato - ma con i genitori Luciano (Charlie per gli americani) e Caterina, ai quali in occasione del loro cinquantaseiesimo anniversario di matrimonio regalò una vacanza di diversi giorni nell' Isola. Tappe: Polizzi Generosa e Ciminna, paese d' origine della madre. Era una Sicilia che né Luciano né Caterina, ormai settantenni (sarebbero morti sei anni dopo, a due mesi di distanza l' uno dall' altra), conoscevano. Erano piccolissimi quando emigrarono, in un' epoca in cui nell' Isola la fame si tagliava col coltello e molti siciliani per guadagnarsi da vivere erano costretti a partire per terre lontane. Eppure anche loro, gli Scorsese-Scozzese, attraverso i ricordi dei genitori si erano portati dentro il mito di una Sicilia fantastica. Il primo luogo che visitarono fu la casa degli Scorsese, in piazza San Giovanni; in apparenza un' abitazione come tante, in realtà lo scrigno che conserva i ricordi, i respiri, l' anima di questa famiglia. Di fronte c' è l'abbeveratoio dal quale sgorga l'acqua delle Madonie, poco più in là la chiesa della Commenda risalente al 1100, la più antica di Polizzi. Cosa fece il regista nella primavera del '90 in Sicilia? «Portò una telecamera e si mise a filmare qualsiasi cosa, le chiese, i vicoli, i balconi, gli archi delle case, i cortili, perfino le pietre», ricorda Giuseppe Lo Verde che ospitò gli Scorsese a casa sua. «Era avido di notizie, voleva conoscere tutto, le origini, le tradizioni, le specialità gastronomiche e dolciarie del paese. Si appassionava nell' apprendere la vita del santo protettore e andava matto per gli spaghetti alla norma e per lo "sfoglio", un dolce locale con il formaggio fresco e la cannella». Nei giorni successivi la famiglia si spostò a Ciminna, ottanta chilometri da Polizzi, ospiti di Leonardo Bucaro (cugino di Caterina Scorsese) e della moglie Giuseppina. Martin amava leggere e trascorrere ore in completo relax. In quella camera da letto dormì profondamente per diverse notti, a dispetto dell' insonnia di cui parlava mamma Caterina. «Nostra cugina - racconta Giuseppina Bucaro - diceva che negli Stati Uniti il regista dormiva poco. Sarà stata l' aria o il cibo, fatto sta che qui ha riposato benissimo». Giuseppina va nell'altra stanza e torna con un album di fotografie: ci sono le immagini del soggiorno degli Scorsese a Ciminna: "qui è stato veramente bene: non avete idea di quanto ha mangiato. Una sera da solo ha divorato una forma di formaggio primosale». «è vero, Martin è una buona forchetta - interviene Giuseppina - Mi chiedeva sempre di preparargli la frittata di carciofi. Tutta roba genuina, proveniente dalle nostre campagne. In America, invece, il suo piatto preferito sono i fagioli. La mamma glieli preparava spesso e lui ne faceva grandi scorpacciate, invitando nel suo appartamento, al venticinquesimo piano di un grattacielo di Manhattan, soltanto due persone, Francis Ford Coppola e Robert De Niro. Mia cugina per scherzo li definiva "i miei tre fagiolari"». Confidenze che mamma Caterina faceva ai cugini siciliani durante il suo soggiorno a Ciminna, mentre si cucinava o si prendeva il fresco sotto il pergolato. Poi Scorsese tornò in America. Da allora le strade del grande regista e dei cugini siciliani si sono divise. Ma solo apparentemente. Il sindaco di Polizzi Generosa ha sempre cercato di mantenere i contatti - in verità non sempre ricambiato - scrivendogli lettere e cartoline. Fino a quando, nel marzo del 2001, in seguito al solito biglietto che conteneva la solita domanda («Quando torni a Polizzi?»), il grande regista gli risponde: «Si trovava a Cinecittà per girare "The gangs of New York", racconta Giuseppe Lo Verde - Un giorno ricevetti una lettera del regista: "Perché non sali a Cinecittà?". Non credevo ai miei occhi, feci la valigia e il giorno dopo ero a Roma. Lui mi ricevette e mi fece assistere alla lavorazione del film. Trascorremmo una giornata insieme e fu il giorno più bello della mia vita.

Repost 21/09/2016

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(89)