RECENSIONI

La recensione di Quo Vado

Francesco Curello - 06-01-2016 - Letture: 180

La recensione di Quo Vado

TRAMA: Checco Zalone è un ragazzo che ha realizzato tutte le aspettative che aveva dalla sua vita. Voleva vivere con i suoi genitori per evitare una costosa indipendenza e ci è riuscito; voleva essere eternamente fidanzato per non dover mai affrontare le responsabilità di un matrimonio e dell'avere figli, e ce l'ha fatta; sognava da sempre un lavoro sicuro ed è riuscito a ottenere un posto fisso nell'ufficio provinciale caccia e pesca, in cui timbra le licenze di cacciatori e pescatori. Con questa leggerezza Checco affronta una vita che fa invidia a tutti. Un giorno però tutto cambia, a partire dal momento in cui il governo vara la riforma della pubblica amministrazione che decreta il taglio delle province nel 2015.

COMMENTO: Il film, dalla trama semplice, é perfetto. La sceneggiatura, la regia, i dialoghi, gli attori. Nulla delude e tutto piace. In primis, naturalmente, Checco Zalone, che si conferma mattatore e one man show del film. Rispetto ai precedenti lavori del comico pugliese qui le location sono più internazionali, ma il risultato non cambia. Ci si diverte. E non poco.

VOTO: 8

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto รจ possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.5